skip to Main Content

IL BAGNO IMMAGINATO

Philippe Daverio e Jacopo Muzio

Bologna Water Design 2013 – Ex Ospedale dei Bastardini, Bologna

In collaborazione con: Henraux.
Partner tecnici: Fantini Rubinetti, Platek Light.

‘Il bagno immaginato’ è l’intervento site-specific che la storica azienda del marmo Henraux, fondata nel 1821 a Querceta, realizza con lo storico dell’arte Philippe Daverio e l’architetto Jacopo Muzio in occasione di Bologna Water Design 2013, l’eccezionale kermesse ‘post-fiera’ che dal 23 al 28 settembre, in concomitanza con il Cersaie, animerà i sorprendenti spazi dell’Ex Ospedale dei Bastardini e dell’Ex Maternità con progetti ed installazioni interamente dedicati al design dell’acqua. Il progetto, realizzato nella ex Cappella dei Bastardini progettata dal Chelini – un gioiello di architettura rococò lasciato all’incuria pubblica – si distingue per l’approccio dell’intervento sensibile alle preesistenze. Una pedana rialzata, interamente rivestita in marmo statuario dell’Altissimo e Versilys, fa da sfondo ad un ‘bagno immaginato’ che gioca sull’ambiguità tra fontana (spazio pubblico) e hammam (sensualità dell’ambiente, ricco di riferimenti alla cultura dell’acqua orientale). Sintesi tra oriente ed occidente è anche la rielaborazione grafica contemporanea della celebre opera di Ingres ‘Le bain turc’: l’opera pittorica è interpretata con mezzi scultorei su lastre di marmo, un’operazione dall’esito artistico raffinato, come poteva risultare solo dal lavoro dei laboratori creativi della Fondazione Henraux, nelle cui gloriose cave hanno lavorato, da Michelangelo in poi, scultori del calibro di Henry Moore e Tony Cragg. Dal progetto emerge, come afferma Daverio, un’idea di bagno “inteso non come loculo nascosto, come recessus, ma come parte integrante della vita pubblica e sociale”; un progetto utopico “dove acqua, marmi e accoglienza si combinano nella gloria della più storica delle architetture barocche e ovviamente torna protagonista il marmo, il più italiano, il più mediterraneo, il più classico degli elementi”. Oltre ad un mero evento fieristico, ‘Il bagno immaginato ‘ si configura come un progetto in linea con il programma ‘Save Italy’ di Philippe Daverio per la valorizzazione del patrimonio artistico e architettonico nazionale e con la storia di impegno culturale di Henraux Spa e della Fondazione Henraux.

Back To Top