Prima Diffusa

La Prima Diffusa della Scala a Palazzo Litta Cultura

 

PRELUDIO PRIMA DIFFUSA
Venerdì 1 Dicembre | dalle 19.00 alle 23.00
@ Palazzo Litta Cultura

In collaborazione con Ponderosa Music & Art

Sarà all’insegna della poesia, dell’amore, della rivoluzione l’avvio del palinsesto dell’edizione 2017 di Prima Diffusa, coerentemente con il tema dell’opera presentata alla Scala, l’Andrea Chénier di Umberto Giordano. Durante la serata del 1° dicembre gli spettatori saranno accolti nel cortile di Palazzo Litta da reading di popolari poeti, autori ed interpreti contemporanei fra cui David Riondino, Marco Rossari (col suo lavoro dedicato a Bob Dylan), Dargen D’Amico. Intanto, al primo piano di Palazzo Litta, dopo l’inaugurazione con una lettura di Lella Costa, il pubblico potrà immergersi nelle atmosfere dell’Andrea Chénier muovendosi tra sontuose stanze barocche in un percorso visivo e sonoro curato da nudoecrudo teatro.
Gli spettatori faranno il loro ingresso in un mondo lussureggiante ed eccessivo, ma già appannato e prossimo a sgretolarsi, popolato di alteri aristocratici in declino e malinconicamente rallegrato da guitti, musici e danzatrici. Come fantasmi potranno aggirarsi tra le stanze, accompagnarsi a nobili ed ectoplasmatiche teste parruccate, spiare con occhio vitreo le esibizioni dei giullari di corte, ammirare disincantati le grazie delle ballerine, muovere qualche svogliato passo di danza sulle musiche barocche e contemporanee del quartetto AltriArchi.
E tendere l’orecchio a sussurri e mormorii che si faranno tuoni, strepiti e rantoli. Le voci dei Poeti, dapprima echeggianti lontane e lente per poi prendere il sopravvento, cantano, come vuole la tradizione, la Poesia e l’Amore. Ma ad esse si unisce, terzo incomodo non richiesto né invitato, la Rivoluzione. Che sia roboante rivolta contro l’ordine costituito, contro l’ancien regime o lo stato borghese, contro la religione, addirittura contro Dio, oppure più intima sedizione contro le convenzioni sociali, contro i ruoli imposti, contro la ragione, contro lo statuto dell’umano, contro lo stesso sé, la Poesia della Rivoluzione, la Rivoluzione della poesia, necessaria e impietosa, guasta la festa di gala e pretende a gran voce parole nuove, mondi giusti, amori veri.

regia Alessandra Pasi
drammaturgia Franz Casanova
suono  Luca De Marinis
scenotecnica Marco Preatoni
light design Paolo Casati
costumi Saverio Assumma
trucco Roberta Anzani, Barbara Nania
video Tommaso Pasi
con Franz Casanova, Antonello Cassinotti, Federico Faggioni, Alessandra Pasi e con Oscar Agostoni, Roberto Barbieri, Silvia Caldarulo, Alessandra Ingoglia, Loredana Mazzola, Diego Palladino, Eleonora Parrello, Martina Yara Pasquali, Emanuela Passerini, Shawn Pinciara, Diego PleuteriChiara Stablum.

—-

IN CORSO D’OPERA
dall’1 al 7 dicembre | Sala Azzurra

Dal pomeriggio del 1° fino al 7 dicembre, a Palazzo Litta, in Sala Azzurra, sarà visitabile In corso d’opera, un’istallazione multimediale coinvolgente ed evocativa, curata dall’Accademia Teatro alla Scala, che permetterà al pubblico di immergersi, questa volta virtualmente, nella magia della Prima attraverso gli spazi iconici, i suoni che si producono “dietro le quinte” e le emozioni dei protagonisti.

1 dicembre inaugurazione ore 17.30
2-7 dicembre dalle ore 11.00 alle ore 19.00

—-

STAND UP POETRY

Sabato 2 Dicembre ore 17.00 | Sala degli Specchi
MASSIMO ZAMBONI in “Anime Galleggianti”

Due musicisti, una zattera e un canale che collega Mantova al Delta del Po, attraversando i campi della pianura padana. L’artista mette in scena il racconto acustico del viaggio compiuto assieme a Vasco Brondi/Le luci della centrale elettrica sulle acque magiche e surreali del Tartaro.
L’atmosfera di quell’esperienza, raccontata a quattro mani nel libro Anime Galleggianti, si trasforma così in un sogno avventuroso. E mentre la chitarra, le parole, le musiche dell’artista accompagnano la riflessione del pubblico, si avvertono le presenze silenziose di coloro che di quegli stessi luoghi hanno saputo raccontare la malinconica e terreste bellezza: Zavattini, Ghirri, Celati, Bassani, Olmi.
Apre l’evento Paolo Foschini, Giornalista del Corriere della Sera, che condurrà il dialogo con Massimo Zamboni.

Mercoledì 6 Dicembre ore 19.00 | Sala degli Specchi
VINCENZO COSTANTINO CINASKI in “Il più bello di tutti”

Un recital/concerto a partire dalla nuova raccolta poetica con canzoni, letture e monologhi, dove regna l’improvvisazione, il politicamente scorretto e il poeticamente sincero.

—-

GUIDA ALL’ASCOLTO ANDREA CHÉNIER

Lunedì 4 dicembre | Sala degli Specchi
ore 18.00
INCONTRO INTRODUTTIVO ALL’OPERA ANDREA CHÉNIER con il M° FABIO SARTORELLI

Con Prima Diffusa i temi di Andrea Chénier raggiungeranno il pubblico anche con le Guide all’Ascolto curate dall’Accademia Teatro alla Scala. I docenti della Scuola scaligera illustreranno alcuni dei passaggi più significativi dell’opera attraverso un linguaggio semplice e accattivante con aneddoti inediti e curiosi.

ore 19.00
ANDREA CHÉNIER: UMBERTO GIORDANO E LA “GIOVANE SCUOLA”,

I solisti dell’Accademia di Perfezionamento per Cantanti Lirici del Teatro alla Scala interpreteranno arie del melodramma italiano ottocentesco e novecentesco dedicando uno spazio particolare a Umberto Giordano, autore di Andrea Chénier, opera inaugurale della stagione scaligera.

—-

PROIEZIONE DELLA PRIMA DIFFUSA
Giovedì 7 dicembre ore 18.00 | Sala Azzurra
ANDREA CHÉNIER di Umberto Giordano

Coro, Corpo di Ballo e Orchestra del Teatro alla Scala
Nuova produzione Teatro alla Scala

Direttore: Riccardo Chailly
Regia: Mario Martone
Scene: Margherita Palli
Costumi: Ursula Patzak
Luci: Pasquale Mari
Coreografia: Daniela Schiavone
Durata Spettacolo: 2 ore e 27 minuti incluso intervallo

Tutte le informazioni su www.palazzolittacultura.org